Via Dolorosa - POB 19424, 91193 - JERUSALEM Tel. +972 2-6282936, +972-2-6280271, +972-2-6264516
Fax: +972-2-6264519; E-mail: secretary@studiumbiblicum.org

SBF


Info

Professors

Programmes

Archaeology

Museum

Publications

Dialogue

Escursions

Pilgrims

Essays

Memos

News

Students




19 marzo 2005

Licenza in Scienze Bibliche e Archeologia

Sr. Ohazulike Camilla, AGC

La necessità della sofferenza di Cristo.
Analisi letteraria, esegetica e teologica di Lc 24,25-27
nel suo contesto (Lc 24,13-35)

Commissione: G. Bissoli, R. Pierri, B. Rossi, P. Kaswalder



Suor Paola Camilla Ohazulike, Nigeria


Dalle conclusioni:

   L'evento Cristo affonda le sue radici nell'AT e ne è la chiave interpretativa essendone l'inizio, il centro e il termine. Nel brano studiato, l'evangelista, con grande abilità, attira l'attenzione del lettore a leggere nella passione, morte e risurrezione di Cristo tutto il piano salvifico di Dio dispiegato nei secoli e concluso in Gesù di Nazaret. L'AT è il periodo delle promesse e la venuta di Cristo il periodo del compimento. Questo schema di promessa e compimento è l'idea teologica che guida tutto il cap. 24. Dunque le Scritture illuminano l'evento della passione, morte e risurrezione di Cristo e l'evento a sua volta offre l'esatta interpretazione delle Scritture. L'evangelista è cosciente che è impossibile dissociare il Messia sofferente, oggetto delle profezie antiche, dal Messia glorioso, dal momento che le sofferenze e la gloria sono un binomio inscindibile che proclama la divinità di Cristo come Salvatore (cf Lc 24,26). Il titolo "Cristo" non è in contrasto con la passione e morte in croce. Anzi, proprio perché Gesù è il Messia, doveva soffrire. Siccome è il Messia che è stato crocifisso, ogni aspetto ripugnante della crocifissione diventa segno di trionfo e di gloria. Così le sofferenze diventano la conditio sine qua non della messianicità di Gesù, facendo di "Cristo" un termine speciale per Gesù sofferente, morto e risorto. Per Gesù entrare nella sua gloria significa entrare nel suo regno (cf Lc 23,42-43). Così la gloria esprime un totale possesso di tutto ciò che è di Cristo sia come uomo sia come Dio, superando un modo semplicistico di intendere e dire risurrezione.


Da sinistra: padre Pietro Kaswalder, Mons. Benedetto Rossi, suor Maria Saveria Palmisano (Madre Generale delle Apostole di Gesù Crocifisso), suor Paola Camilla Ohazulike e padre Giovanni Bissoli.

2001

 SBF main, News

cyber logo footer
Please fill in our Guest book form - Thank you for supporting us!
Created/updated: Saturday, December 8, 2001 by J. Abela ofm / E. Alliata ofm
This page makes use of Javascript and Cascading Style Sheets - Space by courtesy of Christus Rex
logo